en-COMUNICATO STAMPA SINDACATO ITAMIL ESERCITO: CALPESTATI I DIRITTI SINDACALI DEI MILITARI

07/09/2021

Sindacato Itamil Esercito: calpestati i nostri diritti sindacali.

Roma 5 settembre 2021 - il governo, i leader della Lega, fratelli d'Italia, Forza Italia, Movimento Cinque Stelle, Partito Democratico, Italia Viva, + Europa, Azione tutti indifferenti al DDL sui diritti sindacali dei Militari disattendendo le richiesta della stragrande maggioranza dei militari (350 mila) che vogliono il sindacato alla pari dei propri colleghi europei. Attualmente il DDL e' bloccato in Commissione Difesa per via di alcune lungaggini burocratiche. Il Ministero della Difesa dopo aver riconosciuto le organizzazioni sindacali dei militari in linea alla Sentenza 120 dell'alta Corte obbligando i sindacati militari a rispettare delle linee guida, purtroppo la stessa amministrazione viene meno al principio "Sic rebus stantibus" infatti il 26 agosto scorso in ottemperanza alla circolare emanata dal Capo di Gabinetto del Ministero della Difesa (numero di protocollo M_D GUDC REG2919 0039591 del 22 agosto 2019 avevamo trasmesso un calendario di incontri informativi nelle caserme ad oggi non abbiamo ricevuto comunicazioni allo stesso modo di tante altre istanze trasmesse via PEC. Conclude la nota - come se non bastasse tutto questo, siamo venuti a conoscenza che un reparto militare del Friuli, il Comandante aveva trasmesso a dicembre del 2020 un'informativa alla Procura Militare di Verona dopo aver acquisito informazioni dal portale www.itamil.org allegando alcuni screenshot di alcuni dirigenti del sindacato alle sue dipendenze lamentando che non gli avevano segnalato la propria carica sociale oltre ad aver all'epoca dei fatti avviato dei provvedimenti disciplinari successivamente cestinati dopo il nostro tempeativo intervento in quanto non esistevano gli estremi delle  contestazioni, commettendo a parer nostro una grave ingerenza nei riguardi della nostra organizzazione sindacale.