en-CULTURA: L'ITALIA NON GIOCA A RISIKO

12/05/2021

La storia e l'evoluzione delle Forze Armate italiane dal 1945 fino ai nostri giorni.                  Dal militare di leva ai professionisti con le stellette impiegati in molteplici missioni all'estero.                                                                                                                                    È questo il contenuto del saggio "L'Italia non gioca a Risiko", scritto da Giampiero Cannella e appena pubblicato dalla casa editrice Giubilei Regnani (159 pagine, 14 euro). L'autore, giornalista professionista, già parlamentare nazionale e componente della Commissione Difesa della Camera dei deputati, affronta il tema dello strumento militare italiano, dei suoi punti di forza e delle sue criticità, anche in relazione alle sfide che il Paese deve affrontare in politica estera.                                                                      Cannella illustra le trentanove missioni, in ventiquattro Paesi stranieri, nelle quali i nostri uomini e donne con le stellette sono impegnati. Il saggio si apre con una prefazione dell'ex sottosegretario alla Difesa Guido Crosetto, che, tra l'altro, sottolinea la fondamentale importanza della ricerca scientifica e tecnologica in campo militare, anche per i suoi risvolti economici ed occupazionali.                                                                        Nel suo libro l'autore affronta e commenta positivamente il tema della rappresentanza militare e analizza, con altrettanta chiarezza, gli effetti collaterali negativi della legge 244/2012.                                                                                                                                Ma non solo, il saggio entra nel dettaglio dell'attuale momento politico internazionale nel quale si gioca un grande Risiko mondiale che ha nel Mediterraneo il suo baricentro.          Una partita che la classe dirigente politica italiana sembra non voler disputare, con la conseguenza di far precipitare progressivamente il prestigio nazionale nella considerazione di alleati e competitor internazionali.                                                              Al largo delle nostre coste molteplici minacce impegnano gli uomini e le donne della nostra Difesa. Dai problemi della pesca con la marina libica, all'ingresso nel Mediterraneo delle navi cinesi e russe, per finire alla "guerra" per le Zee (Zone economiche esclusive) con l'Algeria.                                                                                                                                Oggi i nostri soldati rappresentano una risorsa fondamentale anche in caso di emergenze nazionali nonostante bilanci sempre più esigui e decisioni politiche estemporanee.                                                                                                                            Pieno di informazioni e notizie, il libro di Cannella introduce il lettore nel mondo militare, del quale si parla poco, anche troppo poco, ma che è fondamentale per la pace e la sicurezza del nostro Paese.