en-IL SEGRETARIO GENERALE GIROLAMO FOTI DEL SINDACATO ITAMIL ESERCITO " ON.RIZZO IL TEMPO DELLE CHIACCHIERE E' FINITO"

21/11/2021
Fonte della foto: https://www.facebook.com/328348273940057/posts/4624789340962574/
Fonte della foto: https://www.facebook.com/328348273940057/posts/4624789340962574/
*On. Gianluca Rizzo presidente della Commissione Difesa alla Camera.*
_"In risposta alla sua recente dichiarazione in merito all'approvazione della legge sui Diritti Sindacali dei Militari"._
Abbiamo preso atto della legge sui diritti sindacali approvata dal Senato.
Noi del Sindacato Itamil Esercito lo consideriamo un secondo passo in avanti dopo la sentenza 120 del 2018.
Un voto che non si poteva bruciare visto l'attuale momento storico che sta attraversando il nostro paese.
Sono convinto che se non veniva approvata la legge al Senato, rischiavamo di aspettare altri quarant'anni.
Ricordo a me stesso che il futuro parlamento con molta probabilità sarà costituito da forze politiche ostili oppure dubbiosi sui diritti sindacali dei militari.
Non ci resta che stendere un velo pietoso sulla legge approvata dal Senato.
Al di là delle sue parole Onorevole Gianluca Rizzo, i suoi post che esaltano la sua importante figura istituzionale dimostri i fatti. Il tempo delle chiacchiere e' finito.
La legge sul Sindacato dei Militari la considero come il Frecciabianca in Sicilia tanto osannata dal suo collega Cancellieri che sembra essere l'unico siciliano a rallegrarsi di un treno vecchio di trent'anni.
Se lei intende dimostrare "i fatti" si legga attentamente la legge. Chieda scusa al popolo militare alle mancata  promessa di una legge sindacale " giusta".
Lei ha tradito la mia personale fiducia ma soprattutto le speranze di tanti militari iscritti al Sindacato che rappresento.
Sono state disattese tutte le nostre aspettative dai correttivi al riordino fino alla legge sui sindacali dei militari.
Noi del Sindacato Itamil Esercito dedicheremo tutte le nostre forze per lottare contro gli articoli che limitano la nostra azione sindacale.
D'altronde ha ragione il Senatore Maurizio Gasparri che nel suo intervento al senato durante il dibattimento sulla legge dei diritti sindacali ha lasciato intendere "almeno dal mio punto di vista" che i sindacati militari per rappresentare le istanze collettive dei propri colleghi devono dimostrare di avere il consenso.
Oggi molti sindacati sono una scatola chiusa si vedono piu' su Facebook che sul territorio e' facile proclamarsi "segretario generale" con quattro iscritti.
Accettiamo la legge, incassiamo il colpo, confermiamo che si tratta di una svolta epocale, ammettiamo senza orgoglio di aver perso una battaglia ma non abbiamo perso la guerra.
Perché' i diritti si conquistano con la lotta (non violenta) e il reale consenso non sulle tastiere di Facebook.
Siamo molto motivati a vincere questa guerra in difesa dei nostri diritti calpestati con questa brutta legge.
Lotteremo con il maggior numero dei consensi tra i militari dell'Esercito.
Curi i nostri diritti allo stesso modo in cui cura la sua immagine istituzionale.


Come diceva il grande Maestro Antonio De Curtis in arte Toto'
_" **accumminciamm a sciacquà e'fierr e a pulizzà a'cardarella"_

**Roma 19/11/2021

Con osservanza
Il Segretario Generale Girolamo Foti