en-INDIFFERENTISMO DEL GOVERNO E DEL MINISTRO DELLA DIFESA NEI RIGUARDI DEI SINDACATI MILITARI SI MOBILITA IL SINDACATO ITAMIL ESERCITO

18/10/2021
www.itamil.org
www.itamil.org

SINDACATO ITAMIL L'ESERCITO: SI MOBILITA CONTRO L'INDIFFERENTISMO DEL GOVERNO E DEL MINISTRO DELLA DIFESA NEI RIGUARDI DELLE ORGANIZZAZIONI SINDACALI RICONOSCIUTE PRONTI PER TORINO IL 30 OTTOBRE, ROMA IL 25 NOVEMBRE, NOLA IL 16 E 17 DICEMBRE E DAL 2021 IN DIRETTA STREAMING UNA GRANDE ASSEMBLEA DEI PRESIDI COLLEGATI DA TUTTE LE PIAZZE ITALIANE.

Il tempo è scaduto, la misura è colma, il Sindacato Itamil Esercito annuncia una serie d'iniziative per manifestare il proprio dissenso contro l'indifferentismo dell'attuale Governo Draghi e del Ministro della Difesa nei riguardi delle organizzazioni sindacali dei militari - lo dichiara il Segretario Generale Girolamo Foti - l'attuale Ministro sembrerebbe che ci mette la faccia sull'industria militare ma non dialoga con le parti sociali, nel frattempo cresce ogni giorno il malessere all'interno delle caserme con l'introduzione del Green Pass dove il lavoratore "militare" non vaccinato deve pagare per lavorare, una mezza misura che non arresterà la pandemia, bastava assumersi la responsabilità del vaccino obbligatorio è certificato, i nostri Volontari dell'Esercito attendono circa dieci anni per transitare in servizio permanente, scarseggiano gli alloggi per i militari e le proprie famiglie, crescono le incertezze sulle risorse allocate al contratto triennio 2019/2021, la scarsa valorizzazione professionale ed economica dei militari in particolare le qualifiche speciali, la totale indifferenza rivolta alle organizzazioni sindacali riconosciute - prosegue la nota - iniziamo il 30 ottobre alle ore 16:00 con un convegno tematico sui diritti sindacali a Torino al Domino Center in via dei Gladioli 33 il 25 novembre organizzeremo un presidio a Roma davanti al Senato alle ore 17:00, il 17 e 18 dicembre le due giornate congressuali a Nola (Na). Dal 2022 organizzeremo in streaming l'assemblea dei presidi in diretta dalle maggiori piazze italiane. I toni e le presenze dei nostri attivisti con i propri familiari a seguito aumenteranno gradualmente fino a quando non arriveranno dei segnali concreti dal Governo,

Roma 15/10/2021